Il nostro sito utilizza i cookies per offrirti un servizio migliore.

Proseguendo nella navigazione sul sito accetti l'utilizzo dei cookies. Per saperne di piu'

Approvo

Il nostro sito utilizza esclusivamente cookies tecnici per migliorare i servizi offerti. Non vengono utilizzati cookies di profilazione per l'invio di messaggi pubblicitari.

In ogni caso puoi sempre decidere di disabilitare l'utilizzo dei cookies dal tuo browser.

Per maggiori informazioni sulla nostra cookies policy e per istruzioni dettagliate su come disabilitare l'uso dei cookies puoi leggere l'informativa estesa

EMOCOMPONENTI PER USO NON TRASFUSIONALE: APPLICAZIONI CLINICHE E NORMATIVA VIGENTE

Riceviamo e volentieri pubblichiamo l'articolo a firma Dottor Camillo Almici ed altri "Emocomponenti per uso non trasfusionale: applicazioni cliniche e normativa vigente".
L'articolo è preceduto da una breve premessa a firma Dottoressa Mirella Marini e Dottor Camillo Almici - Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale - A.O. Spedali Civili di Brescia.
Attendiamo i Vostri commenti.

Il Presidente: Dott. Ottavio Di Stefano

Il mercato degli emocomponenti per uso non trasfusionale (topico).

Nel corso degli ultimi anni l'impiego di emocomponenti, con finalità diverse da quelle di supporto trasfusionale, si è diffuso a numerosi campi della medicina. Inoltre la disponibilità commerciale di apparecchiature dedicate ha consentito di semplificare ed abbreviare le fasi del processo produttivo per gli emocomponenti per uso non trasfusionale. L’utilizzo “topico” di tali emocomponenti ha indotto probabilmente un certo qual grado di confusione sull’obbligatorietà del controllo di tutte le fasi produttive (raccolta, produzione e distribuzione) e del rispetto della tracciabilità del prodotto fino all’applicazione sul paziente. Infatti, anche il gel piastrinico, come pure la colla di fibrina, ed il collirio da siero, essendo emocomponenti derivati dal sangue (DM 3 Marzo 2005 "Caratteristiche e modalità per la donazione di sangue ed emocomponenti"), sono soggetti al rispetto della normativa in materia trasfusionale.

Pertanto il processo produttivo di tali emocomponenti deve essere sotto il controllo e la responsabilità del Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale (SIMT) di riferimento. Nel caso in cui la responsabilità finale del processo produttivo e del controllo non rimanessero in capo ad un SIMT, si configurerebbe pertanto una violazione della vigente normativa nazionale e comunitaria.

 L’articolo allegato oltre a riassumere le caratteristiche degli emocomponenti per uso non trasfusionale, le indicazioni cliniche attuali e la normativa di riferimento vuole rappresentare uno spunto di riflessione e rivalutazione per tutti i colleghi con interesse nel campo specifico.

icon EMOCOMPONENTI PER USO NON TRASFUSIONALE. APPLICAZIONI CLINICHE E NORMATIVA VIGENTE