Il nostro sito utilizza i cookies per offrirti un servizio migliore.

Proseguendo nella navigazione sul sito accetti l'utilizzo dei cookies. Per saperne di piu'

Approvo

Il nostro sito utilizza esclusivamente cookies tecnici per migliorare i servizi offerti. Non vengono utilizzati cookies di profilazione per l'invio di messaggi pubblicitari.

In ogni caso puoi sempre decidere di disabilitare l'utilizzo dei cookies dal tuo browser.

Per maggiori informazioni sulla nostra cookies policy e per istruzioni dettagliate su come disabilitare l'uso dei cookies puoi leggere l'informativa estesa

AVVISO AI FORNITORI

INSORGENZA OBBLIGO DI APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI SPLIT PAYMENT
IN CAPO AGLI ORDINI PROFESSIONALI
   

Con la presente l’Ordine dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri della provincia di Brescia intende rendere noto a tutti i propri fornitori che, a far data dal 25 luglio 2017, codesto Ordine, rientrando nel novero delle Pubbliche Amministrazioni, dovrà uniformarsi alla normativa in materia di Split Payment.

Il DM 13.7.2017, pubblicato sulla G.U. 24.7.2017 n. 171,  modificando le  disposizioni introdotte dall’art. 1 del D.L. 50/2017, convertito in Legge n. 96 del 2017, ha disposto che le Pubbliche Amministrazioni soggette alla disciplina di cui all’art. 17-ter co. 1 del DPR 633/72 (split payment) coincidono con i soggetti destinatari delle norme in materia di fatturazione elettronica obbligatoria ai sensi dell’art. 1 co. 209 - 214 della L. 244/2007.  La disciplina dello Slit payment  stabilisce che, relativamente alle cessione di beni ed alle prestazioni di servizi rese a favore delle Pubbliche Amministrazioni, si debba versare direttamente all’Erario l’IVA addebitata dal fornitore relativamente all’acquisto effettuato.
Tanto premesso si avverte che le fatture, emesse contestualmente e/o divenute esigibili successivamente rispetto alla data del 25/07/2017, non potranno più accettarsi se non conformi alla normativa de qua.
Pertanto i fornitori dovranno modificare le modalità di emissione delle stesse continuando ad esporre l’IVA in fattura. Quest’ultima, tuttavia, non verrà incassata dagli stessi, così ovviando alla conseguente insorgenza dell’obbligo impositivo di versamento a beneficio dell’Erario.
Esse non saranno più emesse con l’IVA  ad esigibilità immediata o differita, ma in regime di “scissione dei pagamenti”, compilando nel blocco informativo “Dati di riepilogo per l’aliquota IVA e natura”: Esigibilità  IVA: S (scissione dei pagamenti), con conseguente indicazione, nel successivo blocco informativo “Dati pagamenti”, dell’importo netto.