Il nostro sito utilizza i cookies per offrirti un servizio migliore.

Proseguendo nella navigazione sul sito accetti l'utilizzo dei cookies. Per saperne di piu'

Approvo

Il nostro sito utilizza esclusivamente cookies tecnici per migliorare i servizi offerti. Non vengono utilizzati cookies di profilazione per l'invio di messaggi pubblicitari.

In ogni caso puoi sempre decidere di disabilitare l'utilizzo dei cookies dal tuo browser.

Per maggiori informazioni sulla nostra cookies policy e per istruzioni dettagliate su come disabilitare l'uso dei cookies puoi leggere l'informativa estesa

DEVONO PAGARCI DI PIU' PER ESSERE PIU' MEDICI PRATICI, SOLO COSI' SI SALVA IL SSN UNIVERSALISTICO

Riceviamo e volentieri pubblichiamo la lettera del Dott. Giovanni Casali


Provate a pensare ai vari corsi di aggiornamento che eravamo abituati, obbligati, a seguire: sbrodolate di semeiotica, di imaging e di casi clinici spesso fuori dalla realtà della medicina sul territorio. Da un po' di anni la musica è cambiata perché sono cambiati anche alcuni suonatori: ora dicono la loro anche i mmg o medici pratici. Non voglio certamente svilire né la semeiotica e neppure l'imaging, ma una pancia palpabile è una pancia non chirurgica e una spalla che sta su è una spalla non chirurgica. Sarà arduo sminuire il fascino della chirurgia sulla gente, ma a colpi di sovradiagnosi e di insuccessi nel lungo periodo anche la gente comincia a porsi qualche domanda e ascolta chi è, scientificamente, più attendista. A breve mando una revisione sistematica pubblicata su Spine e recensita da ISICO (Prof. Negrini fisiatra Università di Brescia) su alcuni lustri di fusioni spinali per patologie degenerative del disco e la metodica, costosa e invasiva, ne esce malconcia. Ma ora torno alla medicina pratica che serve al medico pratico, pardon mmg: dolore riferito di spalla, di anche, di ipocondrio, di ginocchio.
Sono 4 sedi anatomiche che quando presentano dolore fanno scattare i più disparati e fantasiosi, quanto inutili esami di imaging.
Dolore alla spalla: spesso la spalla non è in causa, ma il collo sì, basta aiutare il pz a portare gli arti a 90° e se sta su la cuffia non è chirurgica, se poi si palpa il collo e si effettua il test a braccia protese e palmi in su si evidenzia subito l'ipostenia e il dolore all'arto interessato (cervicobrachialgia).Quando la spalla è in causa è bloccata e conviene inviarla a consulto veloce.
Dolore alle anche: se l'escursione articolare delle anche è conservata il dolore è a partenza lombare e un Rx dinamico della cerniera con bacino esclude anche probabili listesi.
Dolore all'ipocondrio: qui dipende se è destro o sinistro, comunque accertarsi sempre che il dorsale non sia la causa , basta esercitare una pressione laterale sulle spinose e forzare la torsione del busto per evocare il dolore. Si evitano eco per false coliche renali (se a sinistra) e eco per false coliche biliari-renali (se a destra).
Dolore al ginocchio: serve di più capire se il ginocchio è instabile ( tutore armato),  se vi sono blocchi articolari importanti (corpi mobili) e se il piede cede (plantare).
Il dolore al piede non lo cito, ma senza una baropodometria a riposo e dinamica è difficile fare diagnosi, comunque speroni e artrosi varie sono le conseguenze e non le cause del problema a carico del piede.
Il medico pratico ha un certo tempo per fare diagnosi, pensare che utilizzi la semeiotica specialistica (che anche gli specialisti, mi risulta, usano ben poco!) nella routine giornaliera è anacronistico e impensabile: il mmg, pratico, deve sfrondare in pochi minuti i casi non complicati (più numerosi) da quelli complicati in cui imaging e consulto specialistico servono e come se servono....

Giovanni Casali